English   español  
Por favor, use este identificador para citar o enlazar a este item: http://hdl.handle.net/10261/47027
Compartir / Impacto:
Estadísticas
Add this article to your Mendeley library MendeleyBASE
Visualizar otros formatos: MARC | Dublin Core | RDF | ORE | MODS | METS | DIDL
Título

Tra 'oppinioni' e 'dispareri': la flora americana nell'erbario di Pier'Antonio Michiel (1510-1576)

AutorPardo-Tomás, José
Palabras claveStoria della scienza
Pier'Antonio Michiel
Flora americana
XVI secolo
Fecha de publicación2006
EditorLeo S. Olschki Editore
CitaciónLa natura e il corpo. Studi in memoria di Attilio Zanca : 73-100 (2006)
ResumenA la questione di rintracciare quali fonti di informazione testuali e iconografiche servirono a Pier' Antonio Michiel per includere piu di una quarantina di figure di piante americane nel suo "Erbario" e aggiungere diversi "oppinioni" e "dispareri" nelle rispettive annotazioni, la nostra ipotesi iniziale è stata quella di considerare del tutto centrali i rapporti avuti da Michiel con Giambattista Ramusio, testimoniati non soltanto dalle citazioni fatte nei suoi commentari nell' Erbario, ma anche da altri «indizi» che si possono cogliere nella sua opera. Infatti, come vedremo, vi sono altri spunti che consentono di stabilire un legame piu stretto tra Michiel nei primi anni del suo lavoro sulle piante (tutti gli studiosi concordano che l'inizio della stesura del suo Erbario risalga all'anno 1550) e il circolo del Ramusio, caratterizzato dai rapporti che lo stesso segretario del Consiglio dei Dieci e i suoi colleghi Pietro Bembo e Girolamo Fracastoro intrattenevano col cronista spagnolo Gonzalo Femández de Oviedo
URIhttp://hdl.handle.net/10261/47027
ISBN88-222-5467-8
Aparece en las colecciones: (IMF) Libros y partes de libros
Mostrar el registro completo
 


NOTA: Los ítems de Digital.CSIC están protegidos por copyright, con todos los derechos reservados, a menos que se indique lo contrario.