English   español  
Por favor, use este identificador para citar o enlazar a este item: http://hdl.handle.net/10261/154818
Compartir / Impacto:
Estadísticas
Add this article to your Mendeley library MendeleyBASE
Visualizar otros formatos: MARC | Dublin Core | RDF | ORE | MODS | METS | DIDL
Título

Rhinocerotidae (Mammalia, Perissodactyla) from the latest Turolian localities (MN 13; Late Miocene) of central and northern Italy

Otros títulosRhinocerotidae (Mammalia, Perissodactyla) dalle località del Turoliano terminale (MN 13; Miocene Superiore) dell’Italia centrale e settentrionale: implicazioni biocronologiche e paleobiogeografiche
AutorPandolfi, Luca; Rook, Lorenzo
Palabras claveDihoplus megarhinus
Teeth
Postcrania
Morphology
Paleobiogeography
Latest Miocene
Fecha de publicaciónjun-2017
EditorSocietà Paleontologica Italiana
CitaciónBollettino della Società Paleontologica Italiana 56(1): 45-56 (2017)
Resumen[EN] Latest Miocene (MN 13) rhinoceroses from central and northern Italian localities are here described and compared in detail. Rhinoceros specimens have been collected from four localities (Moncucco Torinese, Verduno, Baccinello V3 and Monticino Quarry) and consist of isolated teeth (upper and lower premolars and molars), an almost complete maxilla with I1 and P2-M3, a fragmentary mandible, a p2-p4, a scaphoid and a damaged tibia. A few specimens (isolated teeth from Verduno and Moncucco Torinese and a fragmentary tibia from Baccinello V3) have been generally referred to as Rhinocerotini indet. whilst other remains have been assigned to the species “Dihoplus” megarhinus based on several morphological characters. “D.” megarhinus has been considered a typical Pliocene species, nevertheless it has been recently recorded in several Late Miocene (MN 12 and MN 13) mammal assemblages of the Pannonian Basin. The occurrence of “D.” megarhinus in the latest Turolian of Italy confirms the presence of this species during the Late Miocene in Europe and suggests a dispersal of eastern European taxa in western Europe and Italy during the MN 13 as also testified by other taxa such as Hippotherium, Prolagus sorbinii and Hansdebruijnia sp.
[IT] Rispetto ad altre aree d’Europa, i resti di rinoceronti fossili miocenici in Italia sono piuttosto scarsi e poco conosciuti. In questo lavoro vengono descritti e comparati in dettaglio resti di rinoceronte rinvenuti in località del Miocene terminale (MN 13) dell’Italia centrale e settentrionale. I resti di rinoceronte provengono da quattro località: Moncucco Torinese (Piemonte), Verduno (Piemonte), Baccinello V3 (Toscana) e Cava Monticino (Emilia Romagna). Gli esemplari considerati in questo lavoro includono denti isolati (premolari e molari superiori e inferiori), un mascellare quasi completo con I1 e P2-M3, una mandibola frammentaria, p2-p4, uno scafoide ed una tibia danneggiata. Pochi esemplari (denti isolati da Verduno e Moncucco Torinese ed una tibia danneggiata da Baccinello V3) sono stati attribuiti come Rhinocerotini indet. poichè non mostrano caratteristiche mofologiche utili per una discriminazione a livello di genere o specie. Altri resti (ad esempio il mascellare di Baccinello V3 ed i denti superiori isolati di Cava Monticino) sono stati assegnati alla specie “Dihoplus” megarhinus sulla base di diversi caratteri morfologici. I denti di Cava Monticino mostrano alcuni caratteri più evoluti rispetto a quanto osservato negli esemplari di “D.” megarhinus da Baccinello V3, Kávás e altre località mioceniche. Tali caratteri sono stati osservati in alcuni denti isolati rinvenuti nel sito di Montpellier, cronologicamente riferito al Pliocene Inferiore. “D.” megarhinus era considerato un taxon tipico del Pliocene, ma la specie è stata recentemente segnalata nelle associazioni a mammiferi del Miocene terminale (MN 12 e MN 13) del Bacino Pannonico. La comparsa di “D.” megarhinus nel Turoliano terminale in Italia conferma la presenza di questa specie in Europa nel corso del Miocene Superiore e suggerisce una dispersione di taxa dell’Europa Orientale verso Occidente e la Penisola Italiana durante la MN 13 così come testimoniato anche da altri elementi faunistici quali Hippotherium, Prolagus sorbinii e Hansdebruijnia sp.
URIhttp://hdl.handle.net/10261/154818
ISSN0375-7633
Aparece en las colecciones: (MNCN) Artículos
Ficheros en este ítem:
Fichero Descripción Tamaño Formato  
accesoRestringido.pdf15,38 kBAdobe PDFVista previa
Visualizar/Abrir
Mostrar el registro completo
 


NOTA: Los ítems de Digital.CSIC están protegidos por copyright, con todos los derechos reservados, a menos que se indique lo contrario.